Chiesa di San Basilio Magno

Eretta sicuramente prima del 1087, ha una pianta a croce latina.

La facciata, che conserva il portale principale e la bifora originali, presenta incastonati ai lati due fregi, forse di epoca romana, provenienti probabilmente da Aecae.

Il suo prospetto, in origine squadrato, fu modificato in epoca barocca con un piccolo timpano dal profilo a baldacchino e due triangoli che riducono lo schema a spiovente.

Sul lato sinistro della Chiesa vi sono due porte murate, dalla probabile funzione astronomica: in particolare per una di esse, quella vicino al braccio di crociera, si sostiene la funzione di porta solstiziale. Sul braccio sinistro del transetto si eleva una torre campanaria, aggiunta in secondo tempo. La cupola emisferica centrale venne rifatta nel XVI secolo e la finestra, aperta sotto la cornice della cupola, risalirebbe al XVI-XVII secolo. Frutto di un rimaneggiamento posteriore sono anche le volte che sostituiscono le originarie coperture lignee delle navate.

All’interno la chiesa si presenta a tre navate, delle quali la maggiore è piuttosto stretta rispetto alle proporzioni delle minori. I capitelli delle colonne sono modestamente scalpellati: la loro sagomatura è ben proporzionata, ma lo scalpellino non ha osato operare alcuna rifinitura. Delle otto colonne una ha, sotto il collarino, un fregio: festoni con bucrani di origini pagane, proveniente con tutta probabilità dalle rovine di Aecae.

Nell’interno si trova un fonte battesimale ed un affresco del XVI secolo. Altri affreschi, tra i quali spicca San Giorgio che combatte il drago, sono stati scoperti di recente.

By | 2018-02-27T19:24:27+00:00 luglio 4th, 2017|Monumenti|Commenti disabilitati su Chiesa di San Basilio Magno